Falesia di Badolo Basso (Sasso Marconi – Bo). Climber si infortuna durante una via di arrampicata sportiva; raggiunto, soccorso e ospedalizzato dal Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico.  

   Il Soccorso Alpino bolognese - Stazione “Rocca di Badolo” è stato impegnato, nel primo pomeriggio di Mercoledì 15 Febbraio, in un delicato intervento sanitario, per prestare aiuto ad uno scalatore, infortunatosi mentre arrampicava. L’uomo – un sessantunenne residente in provincia di Bologna -  aveva da poco iniziato in solitaria la via di arrampicata sportiva chiamata “otto a” nella falesia di Badolo Basso, nel comune di Sasso Marconi, procedendo in autosicura;  per cause ancora da chiarire, circa all’altezza del secondo chiodo di sicurezza, lo sfortunato climber ha però perso gli appigli  ed i dispositivi di sicurezza non sono riusciti  a trattenere lo scorrimento della corda, facendo fare all’uomo una caduta di  circa quattro metri. Da subito il sessantunenne ha accusato forti dolori agli arti inferiori ed al collo, rendendo necessario l’allertamento, da parte della Centrale 118, di una squadra terrestre del Soccorso Alpino e dell’elisoccorso di Pavullo nel Frignano, abilitato per recuperi in ambiente ostile. In poco tempo, una squadra di tre tecnici ha raggiunto la falesia, mentre dall’elicottero del 118 è sbarcata l’equipe tecnico-sanitaria del SAER, composta da Tecnico di Elisoccorso, Medico Rianimatore ed Infermiere.  I tecnici hanno quindi stabilizzato lo scalatore, ed attraverso un recupero al verricello lo hanno imbarcato sull’eliambulanza e trasportato all’Ospedale Maggiore di Bologna, dove è stato ricoverato per i traumi agli arti inferiori ed al rachide cervicale.