Montagna e tecnici alpini

Le operazioni di soccorso in montagna e in ambiente impervio si basano sul lavoro di specialisti, in grado di garantire il successo delle missioni di soccorso.

Gli oltre 6mila tecnici alpini del CNSAS operano per la sicurezza in montagna sull’intero territorio nazionale, dalle Alpi alle zone montuose delle Isole, in collaborazione con il Sistema Sanitario Nazionale e le realtà regionali del 118. Le Delegazioni Alpine sono 32, suddivise al loro volta in 235 Stazioni di Soccorso.

Gli scenari d’intervento che vedono operare i Tecnici Alpini del CNSAS sono vari: alpinismo, escursionismo, attività sportive in ambiente montano, ma anche ricerca di persone disperse e soccorso alla popolazione residente.

Per garantire un elevato standard d’intervento tutti gli operatori del CNSAS devono sottoporsi ad un dettagliato piano formativo, che dopo le verifiche d’accesso per entrare nel Corpo, garantisce un iter costante di addestramento e formazione. L’organo deputato a questo compito è la Scuola Nazionale per i Tecnici di Soccorso Alpino.

I requisiti richiesti per i tecnici alpini del CNAS crescono con le qualifiche: Operatore di Soccorso Alpino (OSA), Tecnico di Soccorso Alpino (TeSA), Tecnico di Elisoccorso (TE – vedi sezione dedicata all’elisoccorso)

Per la qualifica di Operatore di Soccorso Alpino (OSA):

  • Movimentazione su terreno impervio e sconnesso.
  • Discesa in corda doppia su terreno impervio.
  • Montaggio e trasporto di barella portantina.
  • Posizionamento e movimentazione su corda fissa, con utilizzo di ancoraggi naturali.
  • Prova di ricerca dispersi
  • Movimentazione su terreno impervio e sconnesso invernale.
  • Auto-soccorso su valanga.
  • Montaggio ed allestimento di barelle da soccorso.

Per la qualifica di Tecnico di Soccorso Alpino (TeSA):

  • Salita di itinerario alpinistico con difficoltà classica almeno di“4°+ UIAA.”
  • Allestimento ancoraggi da progressione e soccorso (su punti naturali e artificiali).
  • Tecniche di progressione della cordata.
  • Sequenza di discese in corda doppia.
  • Calata con giunzione di corda singola sotto carico. • Sistemi di recupero auto-soccorso della cordata. • Sistemi di calata con due corde. • Sistemi di recupero con paranchi.
  • Montaggio ed allestimento di barelle da soccorso.
  • Verifica dei concetti base di topografia ed orientamento.
  • Tecniche di salita e discesa con attrezzatura sci-alpinistica.
  • Metodologia di intervento in valanga
  • Utilizzo apparecchio ARTVa digitale.
  • Ancoraggi su neve per calata e/o discesa in corda doppia.

Privacy Policy -  Politica Cookie -Webmaster Giacomen  |Soccorso Alpino Emilia Romagna (C) | C.F. 94033610364 |