06 gennaio 2018 - Monte Bocco (PR-MS). Alpinista bloccato da quasi 24 ore in quota, individuato e riportato incolume a valle.

Sono state le squadre dei tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico emiliane (stazioni di Parma e Reggio Emilia) e toscane (stazioni di Massa e Carrara-Lunigiana) a ritrovare e riportare incolume a valle un alpinista cinquantunenne nel primissimo pomeriggio del 6gennaio, disperso dal pomeriggio del giorno precedente sulle pendici del Monte Bocco,al confine tra Parma e Massa Carrara. L'allarme è scattato nel pomeriggio di ieri,ma fino alle ore 11.30 circa la situazione non aveva portato a nessun sviluppo,complice la nebbia e il maltempo. La svolta quando proprio l'uomo, residente in provincia di Parma, è riuscito a ricontattare telefonicamente il Capo stazione del soccorso alpino, che coordinava le operazioni di ricerca, confermando di essere in buone condizioni di salute e bloccato in uncanale sulla parete sud del Bocco. I soccorritori si sono così portati sulla zona seguendo le indicazioni dell'uomo, e in poco tempo lo hanno individuato è accompagnato in sicurezza al Passo del Lagastrello dove era stato allestito il campo base per le ricerche insieme a carabinieri e vigili del fuoco. Arrivato a valle, il cinquantunenne è stato affidato ai sanitari del CNSAS giunti sul posto per un controllo,ma le sue condizioni di salute, nonostante una nottata all'addiaccio, sono buone.