Valanga in Campigna: esercitazione del Soccorso Alpino

Hanno utilizzato ARTVA e sonda per cercare i dispersi. E hanno prestato soccorso alle persone travolte dalla neve. È stata per fortuna soltanto un’esercitazione di soccorso in valanga, quella che si è svolta oggi, sabato 11 febbraio, in Campigna, nel comune di Santa Sofia (Forlì Cesena), e che ha impegnato 40 volontari del Soccorso Alpino Emilia Romagna. Tecnici e sanitari hanno seguito in particolare un corso teorico e pratico con addestramento tecnico-sanitario nei pressi del Rifugio ‘La Burraia’, improntato sul soccorso in caso di valanga.   Il corso, indirizzato a tecnici di elisoccorso, medici, infermieri e operatori di soccorso, è stato curato da medici ed infermieri con  la supervisione di un Istruttore tecnico regionale, tutti appartenenti alla Stazione Monte Falco del SAER.  Lo scopo della giornata è stato quello di approfondire la tematica della gestione del paziente colpito da ipotermia accidentale e, in particolare, affrontare le problematiche sanitarie del soccorso a vittime di valanghe. Circa 40 volontari hanno partecipato all’evento formativo, ormai appuntamento annuale della stazione, interagendo durante la sessione teorica mattutina e operando nel primo pomeriggio su uno scenario simulato di valanga con multiple vittime. In particolare è stata testata la rapidità di intervento e la decisionalità dei volontari nel contesto del soccorso organizzato. L’esercitazione ha previsto dapprima una ricerca su superficie con ausilio di appositi strumenti ARTVA, quindi il sondaggio delle zone di rilevazione dei segnali ed infine il disseppellimento rapido di manichini e la stabilizzazione sanitaria, simulando eventi traumatici e in alcuni casi di rianimazione cardiopolmonare con uso del defibrillatore semiautomatico esterno in dotazione alle squadre. Le operazioni sono state cronometrate e valutate dai docenti e infine i partecipanti sono stati sottoposti a una verifica finale scritta. Ottimi i risultati complessivi e utile l’aggiornamento alle più recenti linee guida in materia di soccorso su valanga emanate dai massimi organismi mondiali. È indispensabile esercitarsi continuamente su queste tematiche, affinché i volontari del SAER possano essere ingaggiati in qualunque momento per interventi in zone impervie e con qualunque condizione climatica. [gallery columns="2" size="large" ids="13113,13114,13115,13116"]